Inquinamento Indoor

INFORMATI QUI SUGLI ALTI RISCHI CONNESSI

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che l’inquinamento indoor causa la morte prematura di 4 milioni di persone. Oltre a questo, la metà delle malattie polmonari che colpiscono i bambini sono da ricondurre al particolato che si accumula nelle case e nelle scuole. Si parla dunque di polveri e di aria malsana, che possono causare asma, allergie, malattie respiratorie, ma anche forti emicranie e persino tumori, tutto per colpa dell’inquinamento dei nostri appartamenti e dei nostri uffici.

Spesso alcuni disturbi della salute dipendono da fattori invisibili, come l‘inquinamento ambientale indoor.

L’inquinamento indoor (indoor pollution) è, infatti, al terzo posto tra i fattori di rischio per la salute umana, come confermato anche dai dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Tutti gli ambienti chiusi, dagli uffici alle scuole, passando per i luoghi di svago e le abitazioni, possono nascondere dei ‘veleni’, potenzialmente nocivi per il nostro benessere.

Principali fonti inquinamento indoor

Elementi come polvere, composti organici volatili come benzene e formaldeide, Co2 prodotta da noi stessi, composti clorurati che si annidano nelle vernici e nelle colle dei mobili e solventi sono tutte sostanze in grado di alterare la qualità dell’aria indoor e causare patologie. Se la formaldeide, inserita dall’Airc nell’elenco delle sostanze considerate cancerogene, nell’aria è presente nell’aria in concentrazioni superiori a 0.1 ppm può irritare per inalazione le mucose e gli occhi.

Effetti negativi sulla salute

I soggetti più a rischio sono i bambini, donne in gravidanza e persone anziane. In particolare nei bambini l’esposizione ad alcuni inquinanti indoor si associa a un maggiore rischio di irritazioni, sintomi respiratori acuti, iper-reattività bronchiale, infezioni respiratorie e sensibilizzazione allergica. Anche a basse concentrazioni e in brevi periodi di contatto, l’inalazione di queste sostanze potrebbe provocare nel tempo:

  • allergie;
  • asma;
  • cefalee;
  • insonnia;
  • tosse e mal di gola;
  • infiammazioni delle vie respiratore e degli occhi;
  • mal di testa.

Se poi l’esposizione all’inquinante è prolungata nel tempo ci possono essere anche delle situazioni croniche più importanti come malattie dell’apparato respiratorio, bronchiti, polmoniti e problematiche a livello dell’apparato cardiovascolare. Inoltre come riportato sul sito del Ministero della salute, “alcuni inquinanti indoor contribuiscono ad aumentare l’incidenza tumori nella popolazione; la presenza di miscele di composti organici nell’aria indoor può causare effetti sub-clinici a carico del sistema nervoso periferico e centrale, che portano ad alterazioni del comportamento e della performance”.

Negli ambienti domestici in particolare, sono presenti numerosi agenti inquinanti dell’aria che possono costituire un rischio per la nostra salute. Per esempio, i materiali utilizzati per la costruzione e l’arredamento possono rappresentare una potenziale fonte di inquinamento indoor, così come prodotti per la pulizia della casa e l’uso di colle, adesivi e solventi.

Anche i processi di combustione per la cottura dei cibi e il riscaldamento degli ambienti contribuiscono all’aumento della concentrazione di ossido e biossido di azoto (NO ed NO2), anidride carbonica (CO2) e monossido di carbonio (CO), dalla quale vengono prodotti degli inquinanti secondari, precursori di sostanze altamente tossiche e cancerogene.

L’inquinamento tra le mura domestiche può anche essere connesso alla combustione delle biomasse generata da stufe a legna e caminetti, da cui derivano emissioni di inquinanti chimici pericolosi, come: monossido di carbonio (CO), composti organici volatili (COV), particolato fine carbonioso (soot) e idrocarburi policiclici aromatici (IPA).

In sostanza

CONOSCI LE CONDIZIONI AMBIENTALI E LA SALUBRITÀ DEGLI EDIFICI DOVE VIVI?

Noi di Cotec.One srl possiamo mettere a tua disposizione degli strumenti di misura studia ti per monitorare i parametri ambientali

Grazie a essi, infatti, puoi svolgere un’ANALISI della qualità dell’aria e MISURARE l’inquinamento elettromagnetico in casa e negli ambienti in cui passi la maggior parte della tua giornata. La CONOSCENZA di questi dati ti permette di esserne consapevole e di AGIRE per migliorare la qualità dell’ambiente, per proteggerti e proteggere i tuoi cari dall’inquinamento.